Episodio 1

è cominciata con l’abbattimento dell’uso della terza persona usata tra noi  questa esperienza di istruzione. Ha fatto seguito un chiarimento dei termini usati sulla testiera. Dare per scontato che “tutti sappiano tutto” è il primo e più comune errore commesso dai docenti. Quindi chiarire cose come l’uso del tasto di windows, o del tasto Alt gr presenti sulla tastiera, ha prodotto lo svanire dei misteri che impedivano al mio studente di avere un buon rapporto con la stessa, primo strumento con cui si interfaccia per utilizzare il pc (ricordo che il mio studente ha circa ottant’anni e un rapporto estraneo con il computer).Risultati immagini per tasto windows

Lavorare sul migliorare il suo rapporto con la “macchina” è il primo obbiettivo che mi sono prefissato come istruttore. Dopo questo chiarimento ottenuto con una lista trovata su internet, siamo passati a “raggiungere e lasciare”, un utile esercizio che consente alla persona di entrare maggiormente in comunicazione con la tastiera. Facendo raggiungere e lasciare la testiera senza una ragione, ma solo come fondamento di comunicazione con l’oggetto, lo studente rompe delle paure o l’idea che possa commettere degli errori attraverso essa. Acquisisce anche maggior consapevolezza della tastiera stessa.

Siccome l’istruzione più utile passa attraverso gli errori che una persona fa durante gli esercizi, è importante che lo studente sia disposto a fare la sua pratica sul computer senza paura di commettere errori. In aggiunta, gli esercizi più semplici vengono spesso saltati perché “tutti sanno”. Il mio studente non solo ha fatto gli esercizi più semplici senza timore di sembrare troppo stupido, ma ha gradito l’approccio elementare presentato. Quindi  toccare e fare pratica con i tasti come un bimbo ha aumentato la sua familiarizzazione con quelle parti della tastiera che prima erano tabù.

Ho completato la sessione di due ore, passate velocemente e senza affanno nonostante la prima affermazione – ma secondo lei nonostante la mia età pensa che arriverò a capire ? – notando che l’interesse e il piacere di giocare avevano preso il posto ad un atteggiamento conservatore imposto dall’età.

Le affermazioni: “continuo a casa a giocare con la tastiera” e “quando ci vediamo la prossima volta” mi hanno indicato che sono sulla strada corretta in questa esperienza particolare.

Annunci